“Fai colazione come un principe, pranza come un borghese, cena con un mendicante”

6 anni fa

colazione pranzo cena“Fai colazione come un principe, pranza come un borghese, cena come un mendicate” rappresenta un antico detto popolare che sottolinea l’importanza di una corretta alimentazione al fine di mantenere il benessere e l’equilibrio, interiore ed esteriore .

Alimentarsi in modo adeguato significa trasformare il cibo, attraverso i processi metabolici, in energia, sfruttandone a pieno il suo potenziale.  Anche il cibo possiede una propria energia e condiziona quotidianamente il nostro essere, il nostro stato d’animo e il nostro agire.

Quando siamo molto affamati il nostro istinto primordiale non ci permette di focalizzare l’ attenzione sui nostri impegni, ma ci indirizza verso la spasmodica ricerca di cibo. D’altro canto, dopo una grande abbuffata, il sangue e le energie saranno orientate allo smaltimento delle grandi quantità di cibo ingerito, causando svogliatezza e facendoci intravedere un solo obiettivo: il raggiungimento del  divano. L’equilibrio, invece, ci consente di sfruttare al meglio le nostre energie.

Tutti noi sappiamo che, in una dieta salutare, è importantissimo scegliere quale tipologia di alimenti consumare, prestando attenzione a mantenere un corretto apporto di carboidrati, proteine e grassi. Ciò che molti ignorano è il quando alimentarsi.

La colazione, spesso sottovalutata, è realmente il pasto più importante della giornata, durante il quale accumuliamo l’energia che ci consentirà di arrivare a fine giornata.

Durante la mattinata, infatti, il nostro metabolismo raggiunge il picco della sua efficienza, e per questo motivo il pasto dovrebbe essere abbondante e variegato, principesco insomma. In questa fase gli alimenti verranno trasformati in energia con molta fluidità, e la digestione sarà quindi rapida e indolore.

Anche il pranzo non dovrebbe essere snobbato, ma spesso capita che i ritmi sfrenati a cui siamo sottoposti ci costringano ad un panino e via … per poi non vederci più dalla fame. Durante questo pasto è consigliabile consumare carboidrati (pasta, pane e derivati) che, seppur necessitino di una digestione piuttosto elaborata, sono in grado di essere smaltiti dalle nostre attvità metaboliche, che diminuiranno con il passare delle ore.

Proprio per questo motivo la cena dovrebbe essere un pasto modesto, con prevalenza di verdure e proteine (carne, pesce etc.).  Dopo ogni pasto il consiglio è quello di non farsi inghiottire dal divano, ma una blanda camminata favorirà la celerità della digestione.

Un altro aspetto fondamentale riguarda la possibilità di poter consumare frutta e verdura nella loro reale stagione di appartenenza: una fragola ad esempio, mangiata il 25 Dicembre, sarà insipida e non avrà le stesse proprietà nutritive che avrebbe nei mesi ideali della sua raccolta, ovvero maggio-giugno.

Ciò riguarda anche la provenienza dei cibi, in quanto, un frutto coltivato su un balcone di un appartamento della via più trafficata di una grande metropoli, ci restituirà quello che noi abbiamo dato ad esso: cattiva energia.

Siamo quello che mangiamo … buon appetito!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Richiedi informazioni

Acconsento al trattamento dei dati personali (D.Lgs. 196 del 2003)

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra Privacy & Cookie Policy OK