LE TECNICHE COMPLEMENTARI NEL DECORSO POST-INFORTUNIO

9 anni fa

Il percorso che segue un infortunio in ambito sportivo si presenta come arduo e impegnativo. Dipenderà innanzitutto dall’entità dell’infortunio e seguirà generalmente le seguenti fasi:

  • dimunzione e trattamento dell’infiammazione
  • recupero passivo e attivo della mobilità e dell’articolarità
  • recupero della propriocezione
  • recupero della forza
  • recupero del gesto sportivo

gallinari_infortunio_ginocchio_gettyDurante queste fasi sarà necessario procedere gradualmente, ponendosi obiettivi reali da raggiungere giorno dopo giorno, in modo da scongiurare possibili recidive.

Ma come è possibile velocizzare i tempi di recupero senza rischiare ricadute?

Attraverso tecniche come l’agopuntura, lo shiatsu e la moxibustione è possibile migliorare l’assetto psico-fisico-energetico del soggetto. Infatti, oltre ad avere un ruolo fondamentale nella prevenzione degli infortuni, tali tecniche rappresentano un eccellente coadiuvante alle cure fisioterapiche e riabilitative.

Un infortunio traumatico si ripercuote non solo sul fisico, ma anche sui meridiani che passano nella zona interessata, modificandone lo status energetico. Riarmonizzare l’organismo permette di accelerare ognuna delle fasi del recupero, agendo sinergicamente sull’aspetto emozionale e motivazionale, dal momento che la frustrazione agisce spesso come freno inibitorio.

La stimolazione degli agopunti consente, ad esempio, di velocizzare i processi di cicatrizzazione dei tessuti muscolari in caso di stiramenti o strappi. La moxa, in particolare, può essere utilizzata direttamente nella zona che ha subito il trauma (non in fase acuta, ma tra-quattro giorni dopo l’infortunio) ma anche su alcuni punti correlati alla qualità del sangue e delle difese immunitarie, come i punti 6 e 10 del meridiano della Milza e 3 e 6 di Fegato.

Trattare l’elemento Acqua ( Rene e Vescica Urinaria) permette di rinforzare ossa e articolazioni, migliorandone la funzionalità,  mentre il meridiano dello Stomaco è principalmente adibito al recupero della forza.

La complementarietà del recupero rappresenta indubbiamente l’arma vincente per superare questi momenti, e tornare in campo più forti e consapevoli di prima.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


    Richiedi informazioni

    Acconsento al trattamento dei dati personali (D.Lgs. 196 del 2003)

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra Privacy & Cookie Policy OK